Gruppo psicoeducazionale per famigliari

 

I familiari dei pazienti che soffrono di disturbi psichiatrici sono spesso fortemente coinvolti nella sintomatologia dei pazienti, sopportando un gravoso carico assistenziale; tale coinvolgimento nella sintomatologia comporta una profonda modificazione del funzionamento familiare. Alcuni studi sottolineano come tali risposte della famiglia possano risultare controproducenti ai fini della cura: nel tentativo di aiutare i pazienti a stare meglio, infatti, i familiari si comportano spesso in modo tale da rinforzare inavvertitamente il disturbo. La riflessione sul ruolo centrale giocato dalla famiglia nel disturbo, e sulle importanti conseguenze di questo coinvolgimento sia sulla risposta del paziente al trattamento sia sul funzionamento dell’intero nucleo familiare, ha attivato la promozione di interventi diretti ai familiari a sostegno e rinforzo del trattamento individuale del paziente. L’approccio psicoeducazionale è infatti un aspetto del trattamento dei disturbi psichiatrici proposto come metodo per ridurre il coinvolgimento diretto nei sintomi che, secondo un’ottica cognitivo-comportamentale, contribuirebbe al mantenimento della sintomatologia.

A tale scopo è stato messo a punto un intervento psicoeducazionale multifamiliare che ha i seguenti obiettivi:

1)    ridurre il diretto coinvolgimento dei familiari nella sintomatologia del paziente;

2)    ridurre il loro carico assistenziale;

3)    migliorare la loro qualità della vita.

Il programma psicoeducativo si articola in 5 incontri della durata di un’ora ciascuno, prevede al massimo 2 partecipanti per nucleo famigliare per un massimo di 5 nuclei per ogni ciclo. Gli incontri saranno tenuti da un Educatore (tecnico della riabilitazione psichiatrica) e vedrà la partecipazione della Dott.ssa Irene Lucia Vanelli e di uno psicologo.

I gruppi psicoeducazionali rivolti ai famigliari saranno attivati per Disturbo Ossessivo Compulsivo.

Il percorso sarà condiviso tra i familiari interessati riunendoli in un unico gruppo.  

I punti che verranno sviluppati nel corso delle sessioni sono i seguenti:

1)    informazione circa i sintomi;

2)    informazione circa le basi psicobiologiche della patologia;

3)    coinvolgimento della famiglia nel disturbo e sue risposte alla sintomatologia;

4)    analisi delle risposte della famiglia (di tipo emotivo e comportamentale) al disturbo;

5)    completa e corretta informazione sul trattamento del disturbo e sui risultati attesi.

 
Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Dott.ssa Irene Lucia Vanelli Medico Chirurgo Specialista in Psichiatria Io sottoscritta Dr.ssa Irene Vanelli nata a NOVARA (NO) il 06/01/1982 autocertifico, ai sensi della legge 16 giugno 1988 n°191 e d.p.r. 20 ottobre 1998 n° 403, quanto segue: Di aver conseguito il diploma di laurea in Medicina e Chirurgia nell’anno 2008 presso l'Università Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro. Di aver conseguito l'abilitazione all'esercizio professionale nell'anno 2009 presso l'Università Vita Salute San Raffaele . Di essere iscritto all'ordine professionale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Novara dall'anno 2008 al numero 3942. Di aver conseguito il diploma di specializzazione in Psichiatria nell'anno 2015 presso l'Università Vita Salute San Raffaele. Sito personale: http://www.irenevanelli.it www.milanopsichiatra.com P.iva 02431400031, Sede legale Galleria del Corso, 4 20122 Milano Privacy e cookie: Questo sito NON utilizza cookie di profiliazione.